Un software per aiutare le imprese a fidelizzare i clienti

Cari imprenditori, ricordate l’appello di Steve Jobs agli studenti universitari? Siate affamati, siate folli… Noi aggiungiamo altre tre parole: siate all’avanguardia.

L’e-commerce sta cambiando, oggi il rapporto virtuale tocca anche le corde emotive. SIACloud può aiutarti a fidelizzare il cliente, a farti amare, ma anche a farti scegliere nuovamente. Come? Migliorando la relazione tra l’azienda e il compratore.

Un nuovo, interessante approccio al mercato che ha già sposato Amelie, retailer di Milano con negozi in tutta Italia, che vuole coccolare i clienti in modo scientifico.

La catena di abbigliamento Zuiki, invece, ha inserito nei suoi store alcuni punti d’accesso dove il cliente può ricevere una card virtuale (da utilizzare sullo smartphone) che gli consente di ottenere uno sconto particolare.

In questo modo l’azienda riceve, in cambio di un vantaggio, i contatti del cliente. Questo consente in poco tempo di consolidare una banca dati di centinaia di migliaia di nominativi in tutta Italia.

Una volta creato il database, il software di SIACloud individua, dividendoli per categorie in funzione delle zone geografiche, sottoinsiemi tematici (ad esempio: che hanno comprato pantaloni) e invia messaggi con proposte di sconto su un target molto preciso.

 

I benefici.

Questo consente ai clienti di andare semplicemente nel punto vendita con la comunicazione ricevuta e ottenere il beneficio che gli è stato riservato.

In più, conoscendo la data di nascita di coloro che hanno ricevuto la card virtuale, il sistema invia (via mail o con un sms) gli auguri di compleanno, con uno sconto speciale per l’occasione. Tutto sviluppato in automatico dal software.

L’obiettivo è strategico: aumentare il fatturato con il supporto dell’e-commerce. Per la prima volta, infatti, un software è proposto per vendere di più. Mentre in precedenza veniva visto come un “male necessario” per gestire le giacenze, oggi sviluppa il business.

Un nuovo approccio per tutte le aziende, una nuova strada da seguire in tempi di emergenza Covid, che – secondo le stime – è costata alle imprese il 30 per cento del fatturato.